EcocentricaMente

idee per una vita sostenibile

Le vecchie (sane) abitudini stanno per tornare

2 commenti

Pochi giorni fa ho avuto un curioso dibattito con mia mamma in merito alle buste per il pane.

Proprio così.

Tornando dal supermercato, ci siamo accorte che i nostri due panini integrali erano chiusi in una busta di carta e di plastica enorme. Per due bocconcini.

Giunte a casa, mia mamma ed io abbiamo cominciato a discutere su quanto fosse fastidiosa per noi quella confezione:

  • La busta viene pesata con il pane all’interno e, di conseguenza, ci viene fatta pagare.
  • Essendo in parte di plastica trasparente ed in parte di carta, risulta difficile e scomodo il riciclaggio della busta.
  • È un notevole spreco di materiale, poiché non ci è stato dato un sacchetto proporzionato alla quantità di pane.

Per questi motivi abbiamo pensato ad una soluzione simpatica, efficacie ed eco-friendly, come piace a noi:

la busta per il pane.

Le sacche di stoffa per il pane venivano utilizzate moltissimo fino ad una trentina di anni fa, quando ancora si usavano le bottiglie di vetro e le si portava al supermercato per riempirle di acqua o di latte. Ve ne propongo una vintage, è stata infatti cucita da mia nonna quando era giovane:

Buste per il pane-2

Le borse per il pane sono senz’altro la soluzione più ecologica ( ed originale! ) per rimanere a basso impatto ambientale, evitando inutili sprechi di carta e risparmiando.

È possibile utilizzarle in panetteria, chiedendo di pesare soltanto il pane e –voilà- il gioco è fatto.

Se non volete acquistarla, potete sempre crearvene una personalizzata a casa, sono semplici da cucire, oppure potete scavare in qualche vecchio baule a casa delle vostre nonne o zie, alla ricerca di una borsa per il pane originale!

Annunci

2 thoughts on “Le vecchie (sane) abitudini stanno per tornare

  1. Tornare alle vecchie abitudini è oggi più che mai urgente e doveroso. Il progresso insostenibile ha portato più danni che benefici. Grazie per l’info e complimenti per il blog!

    (solo una precisazione: il sacchetto o carta…il commerciante non deve farlo pagare, è previsto dalla legge apponendo in bilancia la tara prevista i grammi. Se non la applica è disonesto!)

    Cari saluti. 🙂

  2. Sì, assolutamente vero, il consumismo compulsivo ha portato a degli sprechi che possiamo ridurre con pochissimi sforzi.
    Hai ragione riguardo al sacchetto, credo venga fatta la tara prima di pesare il prodotto, ciò non toglie che è uno spreco di carta, e in questo caso anche di plastica, ma immagino che i costi delle confezioni vengano spalmati un po’ su tutti i prodotti.
    Grazie per l’apprezzamento, sono passata anche dal tuo blog e ricambio i complimenti!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...